Deus circumspexit et facta est lux,
arrisit et fuit sol.
Caelum digito monstravit, et fulserunt micantia sidera;
imperavit et montes constituerunt in molibus suis ab imis fundamentis.
In speculum gurgytum se voluit inspicere: et placidum tremuit mare,
dum nubes nitidae osculantur finientem circulum.
Proruperunt aquas ut vitae iucunditatem canerent.
Ambulavit in terra Dominus: et germinaverunt herbae viventes
et flores induerunt vestem versicolorem, gratum odorem undique perfudentes.
Protendit Rex manum suam ad avellenda poma:
et repente apparuerunt oboedientes arbores,
et ramis refrigerantem umbram expanderunt.
Altissimus voce magna: "Moveantur – inquit – animalia super terram".
Tum aër alitum volatibus repletum est,
et aquae micatione argenteorum piscium,
et agnus tigrisque una biberunt ad unum rivum.
Vidit Pater et penitus commotus est animi sui summa lenitate;
submisse dixit: "Fili!"; et creatus est homo.

DIO CREATORE
Dio guardò intorno e si fece la luce,
sorrise ed esistette il sole.
Indicò il firmamento e splendettero le stelle scintillanti,
scandì un comando e i monti si ersero nella loro mole.
Volle specchiarsi negli abissi e tremolò placido il mare,
mentre nuvole chiare baciavano l'orizzonte.
Sgorgarono le acque per cantare la freschezza della vita.
Il Signore camminò sulla terra e germogliarono le erbe
                                                                   [verdeggianti;
e i fiori, respirando un grato profumo, si rivestirono di colori.
Protese il Re la sua mano per cogliere un frutto
e subito obbedienti comparvero gli alberi,
e stesero l'ombra refrigerante delle loro fronde.
L'Altissimo esclamò a gran voce: «Si muovano gli animali
                                                                   [sulla terra».
Allora l'aria si riempì di voli ;
e le acque di guizzi argentati;
l'agnello e la tigre bevvero insieme allo stesso ruscello.
Vide il Padre e si commosse intimamente, nell'infinita
                                                   [tenerezza del suo cuore;
sussurrò: - Figlio! - e fu creato l'uomo.