A che assomigli mai, dolce Bambina?
Forse alle stelle o ai fior? del mare all'onda?
o alla vetta che nel ciel s'affonda?
         Le stelle con un palpito d'argento
         svaniscon nella luce del mattino;
         e tu sei chiaro raggio del divino.
Dei fiori la freschezza vellutata
si fa terra fangosa in men di un'ora;
te d'immortal purezza il Padre onora.
         Il mar che splende di pagliuzze d'oro
         con l'urlo della morte insorgerà;
         tu sei sereno abisso di bontà.
La rupe che s'ammanta di candore
si sgretola in diuturno aspro tormento;
si fa brezza ai tuoi pié l'ira del vento.
         Il tuo volto è lo specchio della vita,
         il tuo vagito è nota di violino,
         la tua mano in sé chiude il mio destino.
Stella senza tramonto, amico Mare,
Vetta ridente, immarcescibil Fiore,
ti canto la canzone del mio cuore!