Che mai ti dice, quando in ciel, novella
l'alba si mostra coi rosati veli,
l'acuta nota d'umil campanella?
         M'invita a salutar la Madre mia;
         mi dice ch'ella è bianca più del giglio;
         «Ave - canta con me - ave, Maria!».

Che mai ti dice, quando, assiso in trono,
l'astro fulgente regna in ciel glorioso,
dei bronzi il coro col festante suono?
         Mi dice che l'Ancella del Signore
         di viva luce è raggio all'alma mia.
         «Ave - ripete - Madre dell'Amore!».

Che mai ti dice, quando in sulla sera
la prima stella appar, timida e sola,
la squilla che t'invita alla preghiera?
         Mi parla della Vergine beata, 
         del suo sorriso che rapisce i cuori.
         «Ave - sussurra - ave, Immacolata».