Ti guardo ed un pensiero
m'insoavisce il cuore:
tu, Madre del Signore,
sei donna come me.
         Fra le tue braccia fide
         mi posso abbandonare,
         a te posso mostrare
         la mia fragilità.
Ma pur ti posso dire
il palpito pungente,
la viva sete ardente
dell'intimo mio cuor.
         Sei donna, pur ti trema
         sul ciglio un pianto umano
         e chiude la tua mano
         un lieve carezzar.
Sei donna. Nell'incanto
d'ogni gentil bellezza
tu pur senti l'ebbrezza
arcana del mister.
         S'agita nel tuo petto
         un sogno di clemenza,
         un rivo d'innocenza
         tu vedi al mondo inter.
È dolce questo canto
che avvolge il mio pensiero,
tu, Madre del Dio vero,
sei donna come me.
         Percorra l'uomo audace
         con marcia baldanzosa
         la strada sua gloriosa
         per tutto dominar;
io seguo col mio passo
sì umile e leggero
un semplice sentiero
ignaro di splendor.
         Ma là c'è la mia vetta
         ardita di fortezza,
         canora di purezza:
         la vetta dell'amor.
E la ridente voce
che di lassù m'invita,
che il chiaro ciel mi addita,
o Vergine, sei tu.