Fronde cullate dal Creatore
nell’aria di seta.
Si protendono oranti.
Vogliono forse staccarsi dal suolo?
 
Ma le radici affondano: giù giù,
nel mistero illeggibile
che dà linfa alla vita.
 
Nascoste, tacite, reggono il sogno
di un’ascesa infinita
dentro l’azzurro
infarcito di sole.
 
Fronde vibranti di pura gioia,
tutta abbandono fidente e lieto
alla chiamata del suo Signore.