Stampa 

Hai fatto della vita
un cantico di luce;
hai sorriso alla grazia
che ti offriva la croce.

Il tuo cammino semplice
è stato come un volo:
sorretto dallo Spirito,
librato nel mistero.

Hai visto nel tuo Dio
il volto dell'Amore;
hai risposto al suo dono
con la forza del sì.

Piccola nel respiro
dei tuoi giorni mortali,
grande nell'abbandono
a una fede totale.

Sei forte come il grano
che germoglia tenace.
Ti rispecchi in Maria:
ricca di povertà.

Al suo cuore di Madre
ti sei tutta affidata;
fervida di Speranza,
attenta alla Parola.

Con lei hai camminato
nel giorno e nella notte,
fino all'offerta mistica
sfociata nel martirio.

A te, sorella nostra,
ci rivolgiamo oranti:
aiuta il nostro passo,
sorridi al nostro andare.

A te, Cristo Signore,
la lode e il grazie vivo
per la vergine Eusebia
che ti seguì felice.

Al Padre creatore
e allo Spirito, gloria:
per il dono infinito
del suo eterno esultare.

Fecisti vitam tuam
lucis nitentis canticum,
subridens gratiae dono
crucem tibi ferenti.

Iter simplex et audax
tamquam liber volatus:
a Spiritu sustentum,
in mysterio libratum.

Vidisti in summo Deo
amoris signum ardens;
"amen" tuum respondisti
fortiter eius voci.

Humilis in diebus
mortalitatis tuae,
ingens in confidendo
omnino caritati.

Fortis ut granum vivum
quod enascitur tenax,
Mariam vis exprimere,
dives in paupertate.

Eius materno amori
tota sempre dicata,
fervens Spem persecuta,
Verbo cor intendisti.

Cum illa viam fecisti
obscura nocte ac die
usque ad summum tui donum
in martyrium influxum.

Te, soror nostra invicta,
adimus implorantes;
adiuva nos viantes,
clemens sustine gradus.

Tibi, Christe rex noster,
honor et actio gratiae,
propter Eusebiae vitam,
quae te secuta est felix.

Patri creanti gloria,
Spiritui laus aeterna,
propter munus immensum
eius exultationis.