(Salabertano)

Potevi dare alla notte
un fumido nerume
o un tenebrore cieco
che rispondesse al vuoto del peccato.
L'hai invece timbrata
con briciole di luce
che scintillano sogni d'infinito.