Un angelo grande e un fiore piccino.
Un angelo acceso di luce materna,
che stende un alato tepore di pace
sul vivo del cuore.
Un angelo lieve d'umano sorriso,
che dà un più sereno ed intenso fervore
al sì della vita.
Un fiore che appena s'è aperto a un respiro
di limpida grazia, che appena ha vibrato
di santo stupore.
Un fiore proteso a specchiarsi nel cielo,
ma fragile ancor nell'immenso prodigio
d'un puro mistero.
E l'angelo grande lo serra sul cuore.