(su una melodia tedesca)

Tu vieni, Sposo del nostro dolor,
o Verbo, figlio d'Amor.
Ti stringi nella catena mortal,
t'incarni nel nostro mal
         Cade il sigillo del gran mister;
         s'apron le menti a un divin pensier;
         vibra la grazia nel ciel.

O Bimbo, sceso a innestare il perdon
sull'aspra nostra illusion,
tu fondi sul tuo terreno respir
l'eterno nostro avvenir.
         Cade il sigillo del gran mister;
         s'apron le menti a un divin pensier;
         vibra la grazia nel ciel.