La tavoletta; la pergamena;
la cartapecora ed il papiro;
la carta fine di Fabriano.
La stilografica; la penna d'oca;
e i tasti rapidi dell'Olivetti.
L'inchiostro fluido e il nero china...

Zoccoli e briglie di baldi equini;
navi remanti; sbuffanti treni;
volo d'aerei su terre e mari.
Sacchi di lettere. Stanchi postini...

L'e-mail: miracolo d'attimo vivo.
Un click. Nell'etere s'apre una strada
che non ha ciottoli, non ha locande,
non ha stazioni. Ma che cos'è?
Tu puoi riempire di lunghe formule
mille lavagne. Ma che cos'è?
non sai. È sempre rivelazione.

Un click; e subito, come in un lampo,
il tuo messaggio arriva là.
Fin dove? Ai lembi estremi del mondo.
Ma dov'è il mondo? Eccolo qua.

Click: un miracolo. Un dono grande.
Come il pensiero che non ha limiti.

Un click. Sia sempre vivo d'amor.