Sono una foglia secca
staccata dal suo ramo;
tu sei la tenue brezza
che mi fa volteggiare,
perché soavemente
il suol venga a toccare.
Sarò polverizzata
nel fango dissolvente,
ma sol perché la vita
mi possa riassorbire
e, nuova linfa eterna,
mi faccia risalire.